Torna su

Riflessioni

Subscribe to Content Updates

Notizie da Genova

Sentivo al telegiornale ciò che stava succedendo a Ventimiglia e andando indietro con i ricordi rivivevo scene e sensazioni, mi dicevo «Ma è vicino … proprio dietro l’angolo …». Cercai il modo per poter intervenire, ma sembrava tutto chiuso, poi chiesi ad una sorellina se il suo titolare poteva fare qualcosa; mi arrivò un numero di telefono, era della Prefettura di Genova, cercai di parlare, spiegare, ma l’unica cosa che ottenni era lasciare il mio numero ad una segreteria.

pastore Alberto Di Stefano

 

Giugno 2015: il pastore Di Stefano della comunità di Genova riceve una telefonata alquanto inaspettata. Era il Prefetto di Genova che chiedeva l’aiuto della chiesa evangelica per ospitare degli immigrati. Le telefonate in quel giorno si sono succedute con così tanta insistenza che, il pastore dopo aver chiesto il parere della chiesa, ha dovuto dire sì. Doveva essere un’ospitalità solo per una settimana, poi due, poi visto che le ragazze stavano bene con noi ed il Prefetto era contento che la chiesa evangelica fosse disponibile per questa emergenza ci ha “proposto” (si legga quasi obbligato) di partecipare al bando.

Così inizia la nostra avventura.

Abbiamo ospitato queste sei ragazze nel locale di culto. Per quasi un mese le sorelle della chiesa a turno cucinavano e portavano loro pranzo e cena caldi, le abbiamo vestite e curate come fossero nostre figlie. Quando ho guardato gli occhi di queste ragazze la prima sera che sono arrivate, ho sentito il mio cuore piccolo piccolo. Avendo in mente per tutto il tempo il versetto che recita “avevo fame e mi deste da mangiare, avevo sete e mi deste da bere ...... quello che avete fatto a loro lo avete fatto a me”, ci siamo rimboccati le maniche e ci siamo messi a lavorare oserei dire notte e giorno per portare a compimento questo progetto.

Abbiamo visto la mano di Dio aiutarci in ogni cosa, incoraggiarci nei momenti di sconforto, riempire il nostro cuore di amore verso queste ragazze (ora sono 15), spianarci la strada in molte occasioni.

Se prima quando telefonavamo in Prefettura ed in Questura non sapevano neanche cosa fosse una chiesa evangelica, adesso quando chiamiamo e diciamo siamo della Chiesa Apostolica in Italia ci si aprono tutte le porte.

Sono passati tre mesi, abbiamo affittato un appartamento, stiamo cercando un pulmino, ci sono persone a disposizione per questo servizio quasi ogni ora del giorno e, con gratitudine e riconoscenza verso Dio che ci ha dato la possibilità di fare tutto questo, andiamo avanti, senza spaventarci dei “Golia” che, vi assicuro, a volte sono tanti.

Oggi possiamo dire che la Gloria di Dio è manifestata in questa città anche grazie a questo progetto.

A proposito di frutti; non stiamo raccogliendo solo quelli verso le istituzioni della città di Genova, ma anche da quei cuori così bisognosi che abbiamo avuto la grazia di rinfrancare con l’amore di Dio. Diverse ragazze pregano, digiunano, ringraziano Dio per averci incontrato e oggi, cantano e danzano con i nostri giovani (hanno tutte circa 20 anni).

Grazie Dio, non ci saremmo mai aspettati un’opportunità così grande; aiutaci ad andare avanti e a far comprendere, anche attraverso quest’opera umanitaria, che Tu sei il motore delle nostre vite.

Fabiola Rossini

Contatti

Via del Commendone, 35a/b - 58100 GROSSETO


Tel. 0564 / 45 10 25
Fax. 0564 / 45 33 92

Email: info@chiesapostolica.it

Chiesapostolica.it © 2009 - 2015 - Exponent CMS
Privacy e Cookie

Intesa con lo Stato Italiano ai sensi dell'Art. 8 c.3 della Costituzione - Legge n. 128 del 30.07.2012

Sicurezza sito web