Torna su

Riflessioni

Subscribe to Content Updates

Testimonianza di Joyce D. - SelfTestimony

Ciao  a tutti, mi chiamo Joyce D.e faccio parte della Comunità di Milano. Oggi, desidero raccontarvi il mio miracolo di vita!

Qualche anno fa decisi di andare all'estero, Brasile, per studiare Teologia in un corso Universitario approfondendo anche gli studi sulla Danza come servizio presso la scuola del gruppo Diante do Trono. La danza è sempre stato il mio servizio e passione.

Il corso Accademico procedeva in maniera molto tranquilla. Il Signore mi stava aprendo gli occhi su molte sfaccettature della mia vita ma in particolare una domanda rimbombava nella mia testolina : Joyce, che valore dai a tutto cio ?

Il tempo passava e tante benedizioni erano avvenute nella mia vita. 

Tante amicizie e tante lezioni di danza interessanti.

Iniziai a perdere peso. Non mi preoccupai. Credevo fosse una conseguenza delle tante ore di danza. Procedevo le mie lezioni con molta tranquillità fin quando da un momento all'altro iniziai ad avere febbre molto alta e forti mal di pancia. Mi portarono in ospedale ma la diagnosi era intossicazione alimentare. Bene, mi misi l'anima in pace. Tornai alle lezioni ma iniziai a notare che qualcosa in me non andava. Nel giro di qualche giorno i miei occhi si disidratarono, la lingua bianca e inizia ad avere forti emorragie. 

Tornai all'ospedale ma la diagnosi era sempre quella, intossicazione. 

Ma c'era qualcosa in me che mi diceva che c'era dell'altro. Chiesi così di essere trasferita in un ospedale privato. Mi misero in una sala d'aspetto dove passai più di 6 ore. Nel frattempo i dolori continuavano a persistere in maniera più lancinante.

Io, da sola e distesa su un lettino senza capire più di tanto poiché il mio portoghese lo stavo imparando all'università , vidi arrivare un dottore, pensai subito che mi avrebbe visitata e nell'arco di qualche minuto mi avrebbe rimandata a casa. Invece no, mi fece sdraiare in una sala con altre 5 persone. Mi attaccarono due flebo e mi dissero :"Signorina, torniamo tra poco." 

Dal quel momento passarono altre due ore fin quando il Dottore mi fece alzare , mi portò nel suo ufficio e mi chiese se potevo chiamare i miei genitori per farli venire e comunicare la diagnosi ma gli risposi che ero sola poiché la famiglia era in Italia. 

Fece un respiro molto profondo e tutto d'un fiato mi disse :"bene Signorina, sarò molto sincero e diretto. Lei ha contratto una malattia. Si chiama Dengue. Lei è al quarto stadio ed è il più grave. Le rimangono solo 48 ore di vita. Non la faccio mettere in quarantena perché non servirebbe a nulla. Torni pure a casa."  Ricordo che feci una pausa di silenzio per ingoiare la notizia e che non versai una lacrima. 

Per chi non la conoscesse la Dengue si contrae con una puntura di zanzara infetta. La traduzione in Italiano è la malattia spacca ossa poiché i dolori sono così forti che con il corpo indebolito può creare la rottura delle ossa. 

Il mio caso era molto grave. 48 ore non sarebbero servite neanche ai miei genitori per chiedergli di venire perciò decisi di affrontare fare la situazione mettendoli al corrente via Skype.

Ricordo che tornai all'Università, mi sdraiai sul letto e prima di dormire feci una sola preghiera :" Dio, sia fatta la tua volontà! Non ti chiedo né di salvarmi né di guarirmi poiché non so ancora quale siano i tuoi piani ma una cosa so che credo in un Dio di miracoli che tutto può! Grazie perché tra 48 ore io riceverò il mio Miracolo di vita, si, di vita eterna con te in cielo oppure il miracolo della vita qui sulla terra. Amen". 

L'indomani l'ospedale mi chiamò per fare altri esami del sangue e gli ultimi accertamenti ma anche questi diedero POSITIVO alla malattia. Passai circa un'oretta lì e poi tornai a casa.. E le prime 24 ore se ne stavano andando.

Decisi di passare le mie ultime ore ammirando un bellissimo paesaggio della Natura Brasiliana dopo di che tornai a dormire. Arriva quindi la domenica e le 48 ore stanno per scadere quando l'ospedale mi chiama chiedendomi di tornare per ritirare gli ultimi esiti.

Arrivai e mi accorsi di un fatto molto triste, delle 5 persone che avevo in stanza 4 erano morte sempre per la stessa malattia.

Con il cuore amareggiato a causa di ciò andai in sala di aspetto in attesa di ricevere gli ultimissimi risultati.

La busta era arrivata e feci un'ultima preghiera prima di aprire :" Caro Dio, grazie per ciò che oggi mi dirai, sono pronta a ricevere qualsiasi cosa! Grazie ! Sia fatta la tua volontà"

I casi erano due , per ricevere la prova del mio miracolo di vita i test dovevano risultare NEGATIVO, se invece stavo per iniziare la mia vita Eterna in cielo avrei dovuto ricevere per la terza volta POSITIVO.

 

Beh, i test erano NEGATIVI. Il signore nell'arco di 24 ore aveva dichiarato che la mia vita doveva continuare nonostante gli attacchi. 

Quel giorno io ricevetti il mio miracolo di vita! Da un giorno all'altro i risultati erano cambiati, da un giorno all'altro sono passata dalla morte certa alla vita!

Crediamo in un Dio di miracoli!

Non avere paura della morte se ha la certezza della Salvezza. Accetta ogni battaglia poiché il Signore sarà sempre al tuo lato. 

Dio ti benedica.

 

Contatti

Via del Commendone, 35a/b - 58100 GROSSETO


Tel. 0564 / 45 10 25
Fax. 0564 / 45 33 92

Email: info@chiesapostolica.it

Chiesapostolica.it © 2009 - 2017 - Exponent CMS
Privacy e Cookie

Intesa con lo Stato Italiano ai sensi dell'Art. 8 c.3 della Costituzione - Legge n. 128 del 30.07.2012

Sicurezza sito web